Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito si avvale di cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy. Cliccando sul link "accetto", acconsenti all'uso dei cookie. Cookie policy

I nostri approfondimenti



La Francia e l’Italia, oltre che a condividere aspetti storici, culturali e linguistici, sono fra i primissimi partner commerciali l’una per l’altra. Questo forte legame porta molte aziende italiane in cerca di nuove opportunità a decidere di aprirsi al mercato francese. Vediamo insieme alcuni consigli utili per queste imprese.




Scegliere di ampliare il proprio business all’estero è una decisione importante, che richiede un'approfondita analisi delle potenzialità legate al mercato di un Paese. Google viene in aiuto delle imprese con Market Finder:  uno strumento gratuito indirizzato a tutte le imprese ed e-commerce che desiderano aprirsi ai mercati esteri.




L’Italia si classifica quarto Paese di import per la Spagna, dopo Francia, Germania e Stati Uniti. Molte sono infatti le aziende italiane che puntano alla penisola iberica grazie alla richiesta crescente di prodotti Made in Italy. Prima di iniziare a vendere in Spagna però, è importante che le imprese studino il mercato locale analizzandone concorrenti, pubblico e mezzi di comunicazione.




Il 2020 si è rivelato un anno molto difficile per l’automotive, uno dei settori più colpiti dalle conseguenze della recente pandemia. Tuttavia, il Covid-19 ha anche accelerato il processo di digitalizzazione dell’acquisto delle auto, rendendo quindi indispensabile la creazione di una serie di azioni di digital marketing a livello locale per le concessionarie.




Sempre più attività trovano nuove opportunità di crescita in uno o più Paesi esteri, diversificando il proprio mercato e aumentando il loro fatturato. Benché la maggior parte delle imprese italiane, soprattutto le PMI, decidano di rimanere ancorate al mercato locale, quelle che decidono di esportare stanno aumentando in tutti i settori.




Un sito di e-commerce che vuole fare business oltre frontiera ha bisogno di una strategia SEO specifica per i mercati esteri nel quale vuole entrare. Per entrare in un nuovo Paese è fondamentale creare una strategia SEO per l’e-commerce pensata appositamente in base alla nazione in cui si vuole fare business. Scopri gli step fondamentali per avere successo.




Le fiere sono da sempre uno dei metodi preferiti dalle aziende per incontrare i clienti ed agganciare nuovi contatti commerciali, ma dopo che il Covid-19 ha messo in pausa tutti i più importanti eventi fieristici, sempre più imprese hanno deciso di convertirsi al digitale e scoprire le vere potenzialità del mondo online.




L’Inbound marketing è  una delle tecniche più performanti utilizzate nel digital marketing per trovare nuovi e potenziali clienti locali ed esteri, essendo adatta sia al mercato di prossimità che a quello internazionale.  Questo metodo pone al centro il cliente e non più il prodotto, facendolo diventare  il punto di partenza del processo.




Secondo un’indagine della School of Management del Politecnico di Milano, relativa all’anno 2019, il  40% delle imprese italiane sfrutta il digitale e in particolar modo l’e-commerce per vendere all’estero, il 51% si affida invece solo ai canali tradizionali e il 9% sceglie di non esportare.  Con l’arrivo del Covid-19 inoltre, molte attività produttive si sono trovate in poco tempo a dover prendere decisioni rapide sul destino della propria azienda. Tra queste c’è chi ha riconvertito le produzioni, chi ha purtroppo chiuso e chi invece ha colto l’occasione per testare nuovi strumenti per vendere e stringere relazioni commerciali sia locali che internazionali. 




Se fino a ieri la fiera era il luogo ideale dove mostrare i propri servizi o prodotti a potenziali clienti e partner commerciali, oggi, la pandemia ha costretto tutti gli addetti ai lavori a rivedere le dinamiche B2B spostandone il focus sempre più verso i canali digitali. In un mercato fortemente competitivo come quello odierno, non più geo-localizzato




Per un’azienda che basa il proprio business sull’export, ma anche per chi desidera affacciarsi a nuovi mercati europei, affidarsi al Digital Marketing può essere una scelta strategica vincente. C’è però un dettaglio che viene spesso trascurato in questo ambito: il multilinguismo. Creare infatti strategie solo in lingua inglese non è ottimale per il mercato europeo, patria di oltre cento lingue differenti.




Scopri i segreti del digital marketing localizzato in fiere ed eventi, chiave per raggiungere utenti nelle vicinanze e trasformarli in clienti. Se la tua azienda partecipa a fiere ed eventi e vuoi accrescere il numero dei tuoi clienti non puoi non conoscere e non sfruttare le possibilità date dal digital marketing geolocalizzato, che garantisce un flusso continuo di visitatori al tuo stand e, con esso, la possibilità di acquisire contatti.




Non tutto il mondo effettua le proprie ricerche su Google. Yandex, il più usato motore di ricerca in Russia, è la porta di accesso per aziende che vogliono farsi conoscere in questo grande Paese. Per rafforzare l’export in Russia con il digital marketing bisogna tenere in considerazione due variabili principali: la lingua russa e il motore di ricerca Yandex. Infatti, il 60% degli utenti russi effettua le proprie ricerche su internet usando Yandex, mentre Google è relegato a meno del 30%.




Più di un miliardo e mezzo di persone nel mondo parla inglese, ma in quanti effettuano le loro ricerche su internet in questa lingua? Elaborare una strategia SEO internazionale in inglese è una buona tecnica per ottenere visibilità non solo nei Paesi anglofoni come Inghilterra, Australia e Stati Uniti, ma anche in tutti quei Paesi che ricercano su Google in inglese nonostante questa non sia la loro lingua nativa, come la Thailandia, l’India, l’Estremo Oriente e altri.




Il performance marketing opera principalmente su due canali: i social, con le varie soluzioni di Social Media Marketing costruite sulla base di un target specifico, e Google con SEO e PPC. L’utenza che porta il performance marketing non è assolutamente a caso, dal momento che i contatti sono selezionati accuratamente grazie al target. È questa, infatti, la strategia adatta per attirare un flusso costante e in aumento di leads che si convertiranno presto nei clienti che faranno crescere la tua azienda.




Contattaci


Richiedi informazioni



Contattaci per maggiori informazioni

oppure chiamaci +39 045 8403653



Dichiaro di aver preso visione della privacy policy e acconsento al trattamento dei dati personali.